Niasca Portofino e il Genoa calcio: una partnership di eccellenze Liguri


7 dicembre 2023

L'azienda italiana famosa per i suoi raffinati soft drink ha avviato una partnership con il Genoa Football Club. Ne approfittiamo per raccontarvi Niasca e la nascita di questa collaborazione.

Il progetto Niasca prende vita nel suggestivo scenario di Portofino alla fine del 2013. Seduti a un tavolino, immersi nel panorama di questo famoso borgo marinaro, i due giovani fondatori dell'azienda hanno l’idea di recuperare le fasce di territorio sovrastanti dando vita alla prima limonaia, che subito viene accompagnata dalla produzione da una bibita. Il primo succo vede la luce inizialmente in appena duemila unità, ma riscuote anche immediato successo. Ed è così che, negli anni successivi, Niasca Portofino vive una crescita progressiva, ampliando la sua gamma di prodotti per soddisfare i palati più raffinati. 

Il cuore dell'azienda è ancora saldamente ancorato alle radici di Portofino, un porto naturale che aveva già affascinato gli antichi romani per la massiccia presenza giocosa dei delfini nella baia. Furono infatti i latini a darle il nome di Portus Delphini, il porto del delfini, nome che si è poi gradualmente trasformato appunto in Portofino. 

La stessa bottiglietta, disegnata da Giulio Iacchetti, cattura l'armonia dei delfini come un chiaro omaggio, con una forma affusolata e una bombatura elegante vicino al tappo rotondo. Allo stesso modo, la scritta "Portofino" in etichetta è volutamente molto evidente, allo scopo di sottolineare la provenienza, mentre il logo che richiama il timbro postale riprende l'idea della "cartolina" che viaggia per il mondo, ma le cui origini territoriali sono certificate.

Anche grazie a questa visione e alla dedizione dei suoi fondatori, l'azienda continua oggi a portare il gusto distintivo della Liguria a un pubblico sempre più ampio. Pur guardando al futuro, Niasca non smette di ispirarsi alla sua storia e al proprio territorio, con un impegno costante verso l'innovazione e la qualità.

Nel corso degli anni, l'azienda ha così maturato e affinato la sua proposta, ampliando la gamma di prodotti per abbracciare nuove sfide e soddisfare i gusti sofisticati di una clientela sempre più esigente.

Connubio di tradizione e innovazione: il metodo di produzione di Niasca

L'approccio distintivo di Niasca Portofino alla produzione delle sue bibite è incentrato anzitutto sulla scelta della materia prima: la frutta rigorosamente locale, lo zucchero di canna, la stevia e gli infusi di prima qualità. 

La scelta accurata di utilizzare solo frutta italiana, lavorata sia in succo che in infuso, rappresenta il primo segreto. Ma è soprattutto l'infuso che dona alle bibite Portofino la loro caratteristica distintiva. L’infusione artigianale degli agrumi liguri interi permette infatti di catturare note particolari, creando una complessità di gusto che si traduce nell'unicità delle bibite stesse. I fiori, utilizzati in infusione o in estratto, portano poi un tocco di raffinatezza che rende le bibite allo stesso tempo classiche e innovative.

Anche l'attenzione alla quantità dello zucchero, sempre di canna e sempre in dosi minime, è parte integrante della filosofia di Niasca Portofino, contribuendo alla creazione di gusti che non risultano mai eccessivi, ma piuttosto equilibrati e raffinati.

I gusti proposti oggi da Niasca Portofino, tra cui Chinotto, Mandarinata e Limonata, si distinguono infatti anche per la bassa presenza di zucchero, oltre che per il raffinato perlage. 

Particolarmente apprezzati dagli sportivi, le versioni No Sugar di Limonata e Mandarinata sono prodotte senza alcuna aggiunta di zucchero: utilizzando solo acqua e succo di frutta certificata biologica. 

L'uso del puro succo preserva le caratteristiche naturali dell'acqua contenuta nei frutti, arricchendo le bevande con sali minerali e amplificando al massimo il gusto autentico della frutta. Ed è questo processo di produzione minimale che mantiene intatte le vitamine presenti nel succo, garantendo un prodotto di alta qualità.

Niasca Portofino e l'autenticità locale: come nasce la collaborazione con il Genoa

Caratterizzata da questo profondo rispetto per le tradizioni e i sapori della Liguria, Niasca Portofino è uno dei marchi che più testimoniano la passione per il territorio e l'amore per le sue peculiarità, fin dal suo nome, che è un chiaro omaggio a una delle spiagge più suggestive della Riviera Ligure, la Baia Niasca. 

Ed è sempre in quest’ottica di celebrazione del territorio che Niasca Portofino ha avviato la sua collaborazione con la società di calcio più antica d’Italia. 

Fondato infatti nel lontano 1893, il Genoa CFC è il club più longevo tra quelli ancora in attività nel panorama calcistico italiano. La sua storia è un affascinante racconto di successi e fatiche, con una presenza costante ai vertici del calcio nazionale. Non a caso, fin dal 2013, il “Grifone” o “Vecchio balordo” (com’è chiamata affettuosamente la squadra di calcio genovese) è entrato nel "Club of Pioneers", un'associazione riconosciuta dalla FIFA che riunisce i club di calcio più antichi e storici del mondo.

Da parte sua, anche il Genoa CFC ha sempre dimostrato un interesse tangibile nel celebrare le eccellenze locali. E così ha scelto di adottare la gamma Niasca come Official Soft Drink, attribuendo al marchio di Portofino il ruolo di primo sponsor sulla maglia del Genoa Women, con una patch applicata sulle divise durante le prossime due stagioni. 

La presenza di Niasca Portofino sarà poi evidente per tutto il campionato anche nello stadio "Luigi Ferraris", con un Corner Niasca personalizzato all’interno della Premium Lounge: uno spazio dedicato, che consentirà ai visitatori di immergersi nell'autentico gusto di Portofino mentre tifano per il Genoa.

In un periodo in cui le collaborazioni tra il mondo sportivo e le aziende locali sono sempre più significative, la partnership tra Niasca Portofino e il Genoa CFC si presenta dunque come un modello esemplare, celebrando la ricchezza culturale e gastronomica della Liguria attraverso lo sport più amato e seguito d’Italia. 

Brands