Marcel Lapierre

Marcel Lapierre ha ripreso l'attività familiare nel 1973.

Nel 1981, sotto l'impulso del mitico Jules Chauvet, decise di vinificare senza So2, senza lieviti selezionati e di coltivare le sue vigne in biodinamica.
Dice:" Non bisogna chiudere le porte al progresso, ma l'obiettivo è di stimolare le difese naturali".
Oggi, su un vigneto di 11 ettari, Marcel cerca di dare al suo Morgon tutta l'espressività del terroir (granito) e di restare fedele allo spirito del vitigno Gamay Nero a succo bianco. Tutti i suoi vini, dagli aromi di ciliegia e liquirizia, sono apprezzati in tutto il mondo.

Altri articoli